3 DEDICATO A CHI E' ALLE PRIME ARMI



 COSA CHIEDONO NORMALMENTE LE ASL ED I COMUNI

 PROBLEMI CON I VICINI?

 GLI INCONVENIENTI DEL MESTIERE


Cosa chiedono normalmente le ASL ed i Comuni.

Pur con notevoli differenze tra zona e zona, i criteri di valutazione non sono omogenei, le varie ASL sparse sul territorio nazionale ed i Comuni in esse compresi richiedono che gli impianti di toelettatura cani ed i locali in cui si svolge o si svolgerà la professione possiedano i seguenti requisiti:

- locali ad uso commerciale od artigianale;

- pareti e pavimenti lavabili ed igienizzabili;

- guscetta di raccordo tra pareti e pavimento;

- "piletta" di scolo per le acque luride posta in prossimità delle vasche o comunque in posizione opportuna all'interno del locale di lavoro;

- piccola sala d'attesa divisa dal medesimo locale;

- superficie aereo-illuminante (porte e finestre apribili verso l'esterno) pari ad 1/10 della superficie calpestabile destinata alla toelettatura;

- prese elettriche ed interruttori a tenuta stagna. Eventuali pompe di sollevamento vasche e tavoli come pure le elettrovalvole dei self service dovranno lavorare a bassa tensione (12 o 24 Volts);

- pozzetto di decantazione al servizio di ogni vasca per dividere le acque luride dal pelo morto che non raggiungerà così il condotto fognario;

- impianto d'aspirazione almeno per i fumi e gli odori e spesso anche per il pelo volatile supportato da idonea canna fumaria o impianto a circuito chiuso con filtri assorbenti nel caso in cui le superfici aereo-illuminanti siano sottodimensionate;

- certificati di biodegradabilità per i prodotti di consumo (shampoo, balsamo, ecc.);

- apparecchiature elettriche marchiate Ce;

- certificazione dell'impianto idrico;

- certificazione dell'impianto elettrico;

- relazione d'impatto acustico.


Solitamente viene redatta una piantina in scala 1:50 o 1:100 che rappresenti le caratteristiche dell'ambiente di lavoro, le sue dimensioni compresa l'altezza ed evidenzi l'ubicazione delle apparecchiature utilizzate durante il lavoro stesso.


Ogni Comune ha poi la facoltà, in base ad un proprio regolamento specifico, di richiedere interventi particolari che spesso si riferiscono a situazioni pregresse o vincoli paesaggistici o simili.

Non scoraggiatevi perchè non è detto che quelle elencate qui sopra siano le richieste reali del vostro Municipio o della vostra ASL: esistono infatti contesti in cui tutto si risolve in maniera semplice e veloce ed altri in cui non è purtroppo così. Informatevi preventivamente augurandovi di essere capitati nel luogo giusto e nel momento opportuno. Prendete eventualmente in serio esame la possibilità di cambiare ASL o Comune oppure chiedeteci dei consigli: saremo ben lieti di potervi aiutare!

Il "problema rumore"

Il rumore generato da alcune apparecchiature può rappresentare un problema di non facile soluzione. Soffiatori, aspiratori del liquido e sistemi aspiranti per fumi, odori e pelo volatile, pur producendo dei disturbi accettabili sotto il punto di vista della normativa vigente, qualche volta infastidiscono il vicinato dando lo spunto a litigi e polemiche infinite.

Spesso e volentieri non sono tanto i macchinari ad essere fuori norma, ma le strutture degli edifici che presentano macroscopiche deficienze costruttive in grado di amplificare, invece di ridurli, i rumori trasmettendoli, ad esempio, in locali adiacenti a quello di lavoro o alla pubblica via. E' comunque buona norma non posizionare mai soffiatori e cappe d'aspirazione nelle immediate vicinanze dei soffitti o su pareti che fungano da divisorio verso ambienti di civile abitazione o in cui si svolgano attività commerciali.

Per quanto ci riguarda cerchiamo sempre di allestire, nell'ambito delle toelettature cani, dei "locali tecnici", divisi dai laboratori o luoghi di lavoro, ove alloggiare le apparecchiature più rumorose. Un bagno, un antibagno od uno sgabuzzino, una tettoia esterna di solito risolvono egregiamente il problema. In assenza di pelo volatile i macchinari lavorano, tra l'altro, in condizioni migliori.

Gli inconvenienti del mestiere


Quello del toelettatore di cani non è per niente un lavoro leggero: egli avrà a che fare con animali spesso irrequieti e spaventati o con soggetti molto aggressivi ed assolutamente refrattari ad ogni "manipolazione". Aprendo una nuova toelettatura gli si presenteranno immediatamente casi da manuale per il semplice motivo che, clienti magari respinti da altri esercizi a causa della loro problematicità o di quella dei loro padroni, tenteranno una nuova soluzione coinvolgendovi in prima persona.

Non fidatevi dunque delle assicurazioni di chi varca per la prima volta la soglia del vostro esercizio: cercate invece di valutare il temperamento del cane o del gatto che vi vengono affidati sempre che ci riusciate al primo approccio. Agite sempre con prudenza, sopratutto se invece di un Fido vi viene consegnato un felino! Detto questo e raccomandata ancora una volta la massima accortezza e diffidenza, esistono alcune patologie particolarmente diffuse tra i toelettatori:

- un'illuminazione scarsa o mal progettata potrebbe generare congiuntiviti e perdita progressiva della vista;

- l'assenza di un impianto di aspirazione per il pelo volatile potrebbe causare asma, bronchiti ed in generale affezioni alle vie respiratorie;

- l'uso continuo di forbici, tosatrici e coltelli da stripping potrebbe generare la sindrome del tunnel carpale con conseguente necessità di ricorrere al chirurgo;

- il sollevamento "a peso morto" di cani di grossa taglia ernie e strappi muscolari;

- l'uso di prodotti antiparassitari, shampoo non idoneo e sostanze disinfettanti particolarmente aggressive eczemi, dermatiti ed altre malattie della pelle. Tenete inoltre ben presente che gli shampoo usati in toelettatura hanno un ph (grado di acidità) abbastanza diverso da quello della cute umana e ciò potrebbe comportare altri inconvenienti;

- infine la rumorosità dell'ambiente di lavoro potrebbe generare ipoacusia e perdita progressiva dell'udito.

  A tutto però c'è rimedio:

- sarà necessaria un'ottima progettazione dell'impianto d'illuminnazione;

- un'efficace cappa d'aspirazione tanto per i fumi che per gli odori che per il pelo volatile;

- sarà altresì necessario un costante monitoraggio di eventuali tendiniti o dolori articolari;

- le apparecchiature dovranno esere progettate in modo da consentire un utilizzo semplice che eviti al professionista posture errate o sollevamenti di carichi esagerati;

- i prodotti di consumo dovranno rispettare alcuni requisiti essenziali e non rappresentare alcun pericolo per gli utilizzatori;

- le apparecchiature rumorose dovranno essere opportunamente posizionate ed isolate in modo che l'impatto acustico venga ridotto al minimo.


LEGENDA
HOME PAGE
1 PER I PRIVATI SENZA PARTITA IVA
2 LA FIGURA DEL TOELETTATORE
4 I TRE SISTEMI DI ASPIRAZIONE PER FUMI, ODORI E PELO VOLATILE
5 SOFFIATORI E FöHN
6 VASCHE, MENSOLE E POZZETTI DI DECANTAZIONE
7 TAVOLI FISSI ED A POMPA
8 ASCIUGATORI PER IL PELO, STERILIZZATORI
9 TOSATRICI
10 TESTINE AESCULAP, OESTER, MOSER ED HEINIGER
11 CARDATORI, PETTINI, SPAZZOLE, TAGLIAUNGHIE, COLTELLI DA STRIPPING
12 FORBICI E SFOLTITRICI
13 FIOCCHETTERIA, GREMBIULI, BLUSE
14 ESISTENZA ATTUALE DELL'USATO GARANTITO
15 PRODOTTI DI CONSUMO
16 LA NOSTRA ESPOSIZIONE/SCUOLA DI TOELETTATURA NEL LAZIO
17 TOELETTATURA SELF SERVICE AD € 4195,00 + IVA
18 TOELETTATURA PROFESSIONALE AD € 4525,00 + IVA
19 LA SCUOLA DI TOELETTATURA
20 DEDICATO A CHI VOGLIA ENTRARE NELLA NOSTRA RETE IN FRANCHISING
21 CONTATTATECI